Contenuto principale

 

Il carico tossico generale

Una parte importante della cura è la riduzione, per quanto possibile, del carico tossico generale sul sistema di disintossicazione del paziente. Cos’è il carico tossico generale? Ogni cosa che mangiamo, respiriamo, tocchiamo o mettiamo sulla pelle viene assorbita molto rapidamente ed aggiunge un ulteriore sovraccarico al nostro sistema di disintossicazione. In una persona GAPS il proprio intestino è la fonte principale di tossicità che sovraccarica di lavoro il sistema di disintossicazione. Non è il caso di aggiungere un ulteriore sovraccarico di lavoro per tale sistema esponendo il paziente a sostanze tossiche e cancerogene di provenienza ambientale. Di quali sostanze stiamo parlando?


La casa del paziente dovrebbe essere mantenuta il più possibile libera da prodotti chimici per la pulizia, pitture, pesticidi per i prati ed altre sostanze tossiche. Tutti i prodotti domestici di largo consumo sono tossici. I detergenti per la vasca da bagno, i liquidi per pulire i pavimenti, i prodotti per lucidare, ecc. Restano tutti nell’aria e sulle superfici, contribuendo al carico tossico generale che grava su sistema di disintossicazione del paziente. I prodotti chimici tossici possono essere sostituiti con prodotti alternativi più sicuri e biodegradabili prodotti da varie aziende più coscienziose. Tuttavia, in linea di massima, cercate di usarne il meno possibile. Un sacco di lavoro di pulizia nella casa può essere fatto semplicemente con acqua e un poco di aceto o succo di limone, bicarbonato di sodio e olio di oliva. Potete pulire i vostri pavimenti di legno con un tè forte. Potete lucidare i vostri mobili con una miscela di 1 tazza di olio di oliva e ¼ tazza di aceto bianco. Potete versare il vino bianco sulle macchie di vino rosso presenti sul tappeto per rimuoverle.


È saggio non ri-decorare la casa o installare nuovi tappeti o mobili mentre il paziente sta cercando di disintossicarsi. Pitture, molti materiali per l’edilizia, nuovi tappeti e nuovi mobili sprigionano una pletora di composti chimici volatili estremamente tossici, che noi assorbiamo attraverso i polmoni, la pelle e le membrane mucose. I nuovi tappeti possono liberare grandi quantità di formaldeide altamente cancerogena per qualche anno. I nuovi mobili sono pieni di prodotti ignifughi che sono pieni di antimonio (un metallo tossico). Le pitture murali fresche liberano nell’aria dozzine di prodotti chimici estremamente tossici per almeno sei mesi. Proprio di recente ho avuto una telefonata dal genitore di un paziente autistico che, oltre ad un grave autismo, soffriva di epilessia. Dopo avere implementato il Protocollo Nutrizionale GAPS le crisi erano scomparse completamente ed il bambino stava molto bene. Poi sfortunatamente i genitori hanno deciso di pitturare i muri della casa. Il giorno in cui l’imbianchino ha iniziato il lavoro il bambino ha avuto una severa crisi epilettica. L’epilessia è nella maggior parte dei casi, soprattutto nei bambini, causata dalla tossicità. Ovviamente il sistema di disintossicazione di questo bambino non era pronto per sopportare l’assalto dei prodotti chimici estremamente tossici che si respirano a causa delle pitture.


Un contributo molto importante al sovraccarico tossico generale nel corpo sono i cosmetici, prodotti da toilet, profumi ed altri prodotti per l’igiene e la bellezza. L’industria che fabbrica questi prodotti generalmente non è soggetta ad alcuna regolamentazione. Più di un migliaio di sostanze chimiche cancerogene e tossiche vengono largamente utilizzate nella formulazione di shampoo, saponi, dentifrici, cosmetici, profumi, creme, ecc. La vecchia opinione che la nostra pelle è una barriera e non lascia passare le tossine si è dimostrata completamente errata. La pelle umana assorbe la maggior parte delle sostanze provenienti dall’ambiente in maniera molto efficiente, in alcuni casi persino meglio del nostro sistema digestivo. Le tossine che passano nel corpo attraverso il sistema digestivo devono passare attraverso il fegato, dove la maggior parte di esse vengono distrutte e rese innocue. Ecco perché l’industria farmaceutica ha recentemente iniziato a produrre sempre più farmaci che vengono applicati alla pelle sotto forma di cerotti, perché la pelle li assorbe meglio del sistema digestivo ed essi vanno direttamente nel circolo sanguigno senza passare per il controllo del fegato.


L’ampio uso di prodotti per la cura del corpo è uno dei più importanti fattori che contribuiscono all’epidemia di cancro. I bambini, le donne e gli uomini stanno incoscientemente esponendo se stessi a grandi quantità di sostanze cancerogene che applicano sulla propria pelle. Un buon esempio è il cancro al seno. Le cellule rimosse da un seno colpito dal cancro in molti casi sono piene di alluminio, un metallo tossico. Da dove viene questo alluminio? Probabilmente non da molto lontano, dai deodoranti, che vengono assorbiti attraverso la pelle nelle ascelle delle donne. Una ricerca recente sui metalli tossici ha mostrato che, quando un animale gravido viene esposto a questi metalli essi si accumulano in grandi quantità nel feto. Ecco perché è particolarmente importante per una donna incinta o che allatta essere attenta ai prodotti per la cura del corpo ed ai cosmetici per la pelle, il viso e i capelli. In questo libro non possiamo analizzare in dettaglio tutte le tossine presenti nei prodotti di igiene e nei cosmetici, ma elenchiamo qui di seguito alcuni dei più comuni.
 
Talco o polvere di talco, può causare cancro alle ovaie. Non utilizzatelo, soprattutto coi bambini!
Laurilsolfato di sodio (SLS), un detergente altamente tossico che è presente nella maggior parte degli shampoo, dei saponi e dei dentifrici.
Fluoruro, un terribile veleno per ogni sistema del nostro corpo. Largamente diffuso nei dentifrici ed in altri prodotti per l’igiene dentale, è anche addizionato ad alcune acque potabili e viene dato ai bambini in gocce. Se non siete a conoscenza della sua tossicità vi consiglio fortemente di informarvi maggiormente su di esso e di evitarlo come la peste.
Biossido di titanio, cancerogeno.
Trietanolammina (TES) e Dietanolammina (DEA) formano nitrosammine cancerogene.
Lanolina, in se stessa è una sostanza naturale non tossica, ma è spesso contaminata dal DDT e da altri pesticidi cancerogeni.
Diossani, vengono inalati ed assorbiti attraverso la pelle, sono altamente cancerogeni.
Formaldeide, una sostanza tossica e cancerogena
Glicol-propilene, cancerogeno 
Piombo, alluminio ed altri metalli tossici sono presenti in molti prodotti per la cura del corpo, particolarmente nei deodoranti e nei trucchi. 

Nei pazienti con sindrome GAPS l’uso di prodotti per il corpo dovrebbe essere ridotto assolutamente al minimo. Il corpo non ha bisogno di lavarsi con saponi, gel per la doccia o schiume che fanno le bolle. Essi non solo contribuiscono al carico generale di sostanze tossiche, ma rimuovono anche oli importanti che proteggono la pelle dalle infezioni e dall’essicazione. Lavarsi con acqua e una spugna dovrebbe essere decisamente sufficiente.
Un bambino non ha bisogno di alcun prodotto per la cura del corpo a parte un dentifricio naturale. Diverse aziende producono prodotti per la cura del corpo che sono sicuri e senza le sostanze nocive prima elencate.


Per eliminare le tossine attraverso la pelle fate fare al vostro paziente un bagno ogni notte prima di andare dormire. Invece dei saponi da bagno utilizzate una tazza di aceto di mele, bicarbonato di sodio o polvere di alghe marine aggiunte all’acqua; queste sostanze favoriscono il normale pH della pelle, lo sviluppo di una corretta flora sulla pelle e il naturale processo di disintossicazione. A giorni alterni aggiungete una tazza di sali di Epsom all’acqua della vasca, anche questo aiuterà nel processo di disintossicazione. Areate la casa regolarmente e portate il più possibile il paziente all’aria aperta.


Le piscine sono luoghi molto tossici. Si pensa che andare in piscina sia un esercizio salutare. Non c’è niente di più lontano dalla realtà. A parte alcune rare piscine sterilizzate con l’ozono, il resto usa prodotti chimici a base di cloro per sterilizzare l’acqua. Il cloro è un veleno, che danneggia ogni sistema nel corpo umano, in particolare il sistema immunitario ed il fegato. Viene assorbito piuttosto bene attraverso la pelle. Inoltre uno spesso strato di gas di cloro galleggia sopra l’acqua della piscina, che si respira durante il nuoto. Il cloro inalato viene assorbito estremamente bene attraverso i polmoni e finisce nel sangue. I pazienti GAPS sono già molto intossicati. Nuotare in una piscina clorata aggiungerebbe altra tossicità.


Le persone GAPS dovrebbero nuotare in acque naturali come laghi, fiumi e il mare, piene di vita e di energia biologica dalle piante e da altre creature, di minerali, enzimi ed altre sostanze benefiche. Nuotare in acque naturali vive è stato considerato per secoli un’ottima terapia per molti problemi di salute. Ovviamente dovete assicurarvi che l’acqua in cui nuotate sia il più lontana possibile da ogni fonte di inquinamento.


I detersivi liquidi e quelli in polvere permangono nei tessuti dei vostri vestiti, lenzuola e tovaglie e contribuiscono al sovraccarico di tossicità. Cercate alternative più sicure ed ecologiche.


Le piante da appartamento sono grandi amiche per ripulire le case da sostanze tossiche. Consumano i gas tossici e li sostituiscono con ossigeno ed altre sostanze benefiche. Riempite la vostra casa di gerani, edere, altre piante rampicanti, aloe vera, ficus e molte varietà di piante da appartamento. Più sono e meglio è, particolarmente nella vostra camera da letto!
Mantenete in buona salute le vostre piante, non lasciate che sviluppino delle muffe, dal momento che alcuni pazienti GAPS reagiscono alle muffe.


 La disintossicazione e la riduzione delle tossine ambientali é una parte importante del trattamento della sindrome GAPS. Normalizzare la flora dell’intestino, seguire una dieta appropriata e nutriente, utilizzare acqua pulita, succhi di frutta e verdura freschi, ed evitare l’esposizione alle tossine sono misure naturali che funzionano molto bene e senza effetti collaterali!

Per conoscere vari rimedi naturali e tecniche di depurazione si consiglia di leggere il libro GAPS.


Un corpo sano è pulito dentro! Buona pulizia!

Dott.ssa Natasha Campbell Mcbride, MD, MMedSci (Neurologia), MMedSci (Nutrizione umana).